Il Dalai Lama alla conferenza del Mind and Life Institute

Autori: Il Bullone
Illustrazione in evidenza di Chiara Bosna
Illustrazione in evidenza di Chiara Bosna

Conferenza in streaming del Mind and Life Institute con Greta, il Dalai Lama e i più importanti scienziati del mondo

Il Commento del Dalai Lama

Quando ho sentito parlare Greta per la prima volta, sono rimasto colpito. La ammiro, è molto incoraggiante sapere che la comunità dei giovani sta mostrando preoccupazione e interesse per il nostro futuro e per il futuro del nostro pianeta.

In questo periodo storico il mondo è ancora attaccato a un pensiero materialistico, e quindi è raro sentire parlare del benessere del mondo e dell’ambiente, è proprio un segnale di speranza per il futuro.

Al giorno d’oggi tutti vogliono vivere una vita felice, non solo gli umani, anche gli animali e gli insetti ed è per questo motivo che ognuno pensa alla propria esistenza.

Il cervello degli esseri umani è molto speciale, ammirevole, eppure, giudicando il mondo in cui ci troviamo oggi, gli esseri umani sono quelli che hanno creato più problemi. Gli altri esseri viventi si limitano a mangiare, dormire e riprodursi, noi abbiamo un desiderio troppo grande.

Dobbiamo pensare al pianeta

Di tutte le specie che abitano questo pianeta siamo quelli che da una parte creano cose meravigliose, ma dall’altra fanno molti disastri. Perché? Perché il nostro meraviglioso cervello pensa prima a se stesso, poi al proprio Paese e solo infine alla comunità intera, la realtà, però, è che la vita umana dipende in tutto e per tutto dalla famiglia e dalla comunità in senso lato.

Oggi gli esseri umani devono fare parte tutti di un’unica comunità, dobbiamo pensare alla totalità del nostro pianeta, e invece pensiamo ancora di poter sopravvivere divisi in cerchie ristrette.

Siamo 7 miliardi di persone e le nostre vite dipendono da quelle di tutti gli altri.

Per prenderti cura di te stesso devi prenderti cura dell’umanità e del mondo, sono gli interessi individuali che dipendono dalla comunità, non viceversa.

Non ci sono questioni religiose o politiche, è semplicemente così a livello pratico. Il nostro futuro dipende dall’umanità intera, e dobbiamo prenderci cura di questo pianeta che è la nostra casa.

Illustrazione in evidenza di Chiara Bosna
Illustrazione in evidenza di Chiara Bosna

Spazio alla voce dei giovani

La mia generazione sta giungendo al termine, e di conseguenza tutte le nostre speranze sono sulle spalle di voi giovani. Il passato è passato, e il futuro dipende dalla nuova generazione. Noi abbiamo creato abbastanza problemi, e adesso tocca a voi risolverli.

Dal mio punto di vista dobbiamo puntare sull’energia pulita, come quella del sole e del vento e dobbiamo prestare molta attenzione alla deforestazione; la gente non pensa abbastanza all’importanza del preservare l’ambiente, dovremmo piantare molti più alberi invece di abbatterli.

Riguardando alla mia vita in Tibet mi sono reso conto di come, nel corso degli anni, le cime delle montagne fossero sempre meno imbiancate, e di come le nevicate fossero sempre meno abbondanti, e questo è un esempio concreto di riscaldamento globale, di questo passo anche il Tibet diventerà un deserto.

Ho smesso di occuparmi delle questioni politiche del Paese, ma l’impegno climatico non lo abbandono, dobbiamo a tutti i costi preservare l’ecologia del Tibet.

Sono convinto che buona parte della questione dipenda dall’educazione, per migliaia di anni siamo andati nelle stessa direzione, ma adesso, a causa dei cambiamenti climatici, dobbiamo invertire la rotta e pensare alla salvezza dell’ecosistema.

Oggi abbiamo la tecnologia per trasformare l’acqua salata in acqua potabile, dovremmo sfruttarla per coltivare e trasformare le grandi aree desertiche, come l’Australia o il Sahara, in zone coltivabili; è un sogno che mi porto dietro da molti anni.

Il nostro stile di vita deve cambiare

Per quanto riguarda l’emisfero nord invece, abbiamo il grosso problema dello scioglimento dei ghiacci, e abbiamo già conosciuto le conseguenze gravissime di questo fenomeno: adesso dobbiamo pensare a come proteggere i ghiacciai e impedire un disastro annunciato; un modo per farlo credo possa essere quello di sfruttare a pieno la sopracitata energia pulita.

Dobbiamo studiare e gli esperti devono spiegare la realtà dei fatti, il nostro stile di vita deve cambiare. Dobbiamo pensare seriamente a una nuova realtà e ad un nuovo stile di vita che si adatti a questa, e possiamo farlo solo attraverso l’educazione e giovani leader come Greta.

È un errore dare per scontato quello che abbiamo, dobbiamo rendercene conto e proteggerlo

Quando abbiamo problemi e difficoltà è facile correre dalla religione, invocare Dio o Buddha, ma non è sufficiente: dobbiamo essere noi a reagire, non gli dei a cui rivolgiamo le nostre preghiere.

Buddha diceva: «Tu sei il maestro di te stesso, le cose dipendono dal tuo pensiero e dalle tue azioni».  

È troppo facile creare problemi e poi aspettarsi che siano le divinità a risolverli.

Tutti i problemi che derivano dai nostri comportamenti devono essere risolti con i nostri sforzi.

Diffondi questa storia

Iscriviti alla nostra newsletter

Newsletter (sidebar)
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche:

Torna in alto