parole

gabriella pravettoni psiconcologia

Intervista a Gabriella Pravettoni: “Cambiamo il linguaggio per percepire diversamente il viaggio della malattia”

«Si guarisce davvero, quando si guarisce nella mente»: così esordisce Gabriella Pravettoni, docente di Psicologia cognitiva e delle Decisioni presso l’Università Statale di Milano e direttrice della divisione Psicologia dell’Istituto Europeo di Oncologia, nel dialogare con Il Bullone sui temi della cura, della guarigione e della consapevolezza. Intervista a cura di Chiara Malinverno.

Ritorno alle parole che contano- Responsabilità

Di Giorgio Giudici I giornali e i servizi alla televisione ne parlano chiaro, tanto che la frase anticipata da un hashtag diventa subito uno slogan: iorestoacasa. Eppure sembra che il messaggio sia arrivato in sordina. Poche orecchie pronte a recepirlo, troppo poche. Riaggiorno la casella email a colpi di tic ossessivo-compulsivi. Niente, nessuna email dal capo. …

Ritorno alle parole che contano- Responsabilità Leggi tutto »

Ritorno alle parole che contano – Contatto

Di Giada De Marchi Il contatto spesso è inteso come un tocco fra due o più persone, qualcosa di delicato, intimo che, nonostante l’apparente leggerezza, segna dentro.In realtà ci sono moltissime definizioni di contatto anche solo «mantenersi in contatto» è qualcosa di speciale, dimostrazione di come le persone tengano l’una all’altra, di come l’essere umano …

Ritorno alle parole che contano – Contatto Leggi tutto »

«La palestra dello scrittore» un laboratorio di ricerca sul linguaggio. I consigli di Lorenzo Carpané su come affrontare il foglio bianco

Di Lorenzo Carpané La palestra dello scrittore è un laboratorio di ricerca sul linguaggio nato nel 2015, un luogo pensato per sperimentare soluzioni nuove, sviluppare percorsi cognitivi e trasferire conoscenza. La scrittura aiuta a sperimentare come le parole agiscono sul pensiero: dalla pubblicità alla politica, dall’economia alla scienza. Le due anime della Palestra sono la …

«La palestra dello scrittore» un laboratorio di ricerca sul linguaggio. I consigli di Lorenzo Carpané su come affrontare il foglio bianco Leggi tutto »

I love you, ti voglio bene: parole intraducibili

Di Irene Nembrini Ti voglio bene: tre parole, un significato intraducibile. È solo una delle tante, tantissime espressioni che non hanno una traduzione esatta in altre lingue e una delle mille barriere della linguistica. Una lingua non è semplicemente un insieme di vocaboli e grammatica, bensì un’entità viva e mutevole, calco della cultura e della …

I love you, ti voglio bene: parole intraducibili Leggi tutto »

Torna in alto